Tutankhamon, Caravaggio, Van Gogh, i notturni in mostra a Vicenza

tutankhamon

VICENZA Grande successo per la mostra “Tutankhamon Caravaggio Van Gogh. La sera e i notturni dagli Egizi al Novecento”, dedicata al tema della sera e della notte nella storia dell’arte. L’esposizione, ospitata nella Basilica Palladiana di Vicenza,  è realizzata in collaborazione con Linea d’Ombra e il sostegno della Fondazione Teatro Comunale della Città di Vicenza.

La mostra assume la forma di un racconto millenario, a cavallo tra due epoche che hanno espresso la loro energia attraverso la suggestione dei paesaggi notturni, quelli in cui molti artisti raffigurano una manciata di stelle o un chiaro di luna come profonde corrispondenze dell’anima. La notte in questa mostra non è solo fascino del naturalismo ottocentesco, ma è anche una notte fortemente spirituale, interiore, che giustifica così anche la presenza di numerosi pittori astratti.

“Non desidero spiegare niente a nessuno, – spiega il curatore Marco Goldin – ho solo la gioia di mostrare che una finestra di Giorgione, oltre la quale sta il velluto di una notte chiara, io la possa appendere accanto a una finestra dipinta da López García quasi cinquecento anni dopo, quando una tangenziale butta la notte della periferia di Madrid dentro quella stessa finestra aperta.”

La mostra ospiterà 113 opere, divise in sei sezioni e provenienti da trenta musei e collezioni di tutto il mondo.  Il racconto parte dal letto del Nilo, con una serie di reperti archeologici che giungono per la prima volta in Italia da Boston. Il viaggio prosegue attraverso i capolavori di Giorgione, Caravaggio, e Tintoretto, passando per i vertici dell’incisione di Rembrandt e Piranesi. Sfileranno i romantici dell’Ottocento, epoca del notturno per eccellenza, con i dipinti di Turner, Friedrich, di Corot e Millet, fino a Whistler, Monet, Pissarro e Van Gogh. Si entra appieno nel Novecento, nella quinta sezione dedicata alle scuole della seconda metà del secolo, con un particolare accento sulla produzione astratta. L’epilogo della favola notturna si concretizza nella sesta e ultima sezione, che ospiterà un riassunto di tutti i temi affrontati con una successione dei capolavori da Gauguin a Cézanne, da Caravaggio a Luca Giordano, da Van Gogh a Rothko ancora.

La mostra verrà inaugurata il 24 dicembre 2014 e sarà ospitata nella Basilica Palladiana di Vicenza fino al 2 giugno 2015.

facebooktwitter

Lascia una risposta