scuola.jpg--

Scuola, Donazzan: “Servono 641 docenti in più per l’anno scolastico 2017-2018″

Manca personale docente nelle scuole venete. “Gentile ministro, al Veneto servono 641 docenti in più in pianta organica per assicurare il regolare inizio e svolgimento del prossimo anno scolastico 2017-18“.  Questa la carenza di professori e maestri segnalata dall’assessore alla scuola della Regione Veneto Elena Donazzan che ha inviato nell’informativa al ministro dell’Istruzione Valeria Fedeli in merito alle scuole di ogni ordine e grado, dall’infanzia al secondo ciclo delle secondarie.

Già lo scorso anno mancavano 468 docenti nell’organico assegnato dal ministero al Veneto: situazione alla quale l’ufficio scolastico regionale e i dirigenti scolastici hanno fatto fronte limitando le sezioni a tempo pieno, mantenendo le sezioni numerose, ‘allungando’ l’orario contrattuale di lavoro degli  insegnanti e reclutando gli insegnanti del cosiddetto ‘potenziamento’ previsto dalla Buona scuola a coprire i posti vuoti in cattedra.

“Di fronte al silenzio del precedente ministro, la scuola veneta si è arrangiata facendo di necessità virtù – afferma l’assessore Donazzan – ma così abbiamo dovuto penalizzare le scuole di montagna, i genitori che lavorano e che non hanno potuto avere accesso al tempo pieno per i loro figli, le classi con alunni disabili che avrebbero diritto allo sdoppiamento, e così via. Ora che, alle storiche carenze di organico, si aggiungono anche i prossimi vuoti causati dalle domande di pensionamento presentate da circa duemila docenti in Veneto –  prosegue l’assessore – non sarà più possibile fare ricorso a soluzioni-tampone e provvisorie. Il ministro Fedeli ci ha già dato ragione sulla necessità di aumentare le certificazioni universitarie per gli insegnanti di sostegno e alla richiesta di allargare il numero degli ingressi alle facoltà che preparano i futuri maestri e i futuri professori.

“Pur avendo attivato tutte le possibili azioni suppletive e compensative – continua l’assessore – ora le scuole venete hanno esaurito ogni spazio di manovra possibile per coprire il numero di cattedre necessarie per il regolare avvio delle lezioni a settembre”. E conclude: “O il Miur riconoscerà al Veneto i 48.698 insegnanti richiesti dall’Ufficio scolastico regionale o non ci resterà che rivendicare con ogni mezzo, a partire dal prossimo referendum d’autunno, l’autonomia regionale per poter garantire a tutti i bambini e i ragazzi che frequentano le nostre scuole quel diritto effettivo all’istruzione e alla formazione che la Costituzione prevede”.

Azzurra Gianotto

Leggi tutto
vicenza_piazza_castello

Vicenza, città europea dello sport 2017

“Proprio da Vicenza è partita, in concomitanza con il sostegno della candidatura a Città dello Sport 2017, l’azione di sensibilizzazione verso il pubblico e le società sportive per la settimana dello sport nelle scuole. Il Veneto è la prima regione d’Italia a portare lo sport in classe come approfondimento interdisciplinare, a conferma del radicamento dell’attività sportiva nel nostro territorio e del valore educativo che tutte le discipline sportive  portano con sé”. Queste le parole in merito di Elena Donazzan, assessore alla Scuola e alla Formazione della Regione Veneto dopo il riconoscimento che Aces Europe ha attribuito a Vicenza il titolo di “città dello sport 2017″. L’assessore ha presentato ufficialmente il progetto “Settimana dello sport in classe” alla partita di campionato di basket serie B maschile. “Vicenza è terra di campioni e di sportivi e di grande impegno associativo, un contesto ideale per supportare le scuole di ogni ordine e grado nell’organizzazione della Settimana. Con il riconoscimento del titolo di ‘Città dello sport’, sono certa che Vicenza ora sarà in prima fila, insieme al Coni, nel promuovere questa sperimentazione”. “Il Veneto – prosegue – è una regione in testa alle classifiche nazionali per associazionismo e promozione sportiva, dove lo sport è tradizionalmente vissuto come occasione formativa ed esperienza associativa che completa e arricchisce il percorso educativo e sociale, non solo dei bambini e ragazzi in età scolastica, ma in tutte le età della vita. E Vicenza, con i suoi numeri di impianti, atleti, società e amatori, sarà degna ‘capitale’  dello spirito e della passione sportiva dell’intera regione”.

Di Azzurra Gianotto

 

Leggi tutto
scuola-alunni450

Scuole riaperte: tutti i dati in Veneto

Oltre 607mila studenti veneti oggi sui banchi per il primo giorno di scuola. Dopo le tante polemiche sulle nuove normative scolastiche, l’ufficio scolastico regionale per il Veneto ha diffuso i dati, non del tutto scoraggianti, per l’anno corrente.
Degli oltre 600 mila studenti nelle scuole statali venete, 46.880 alunni quest’anno si concentrano nella scuola dell’infanzia, 219.841 nelle scuole elementari, 135.174 e 205.128 nelle scuole secondaria di I e II grado, con una media di circa 21 alunni per classe e un totale di oltre 48 mila docenti.
Sono oltre 15mila gli studenti iscritti al primo anno delle scuole secondarie statali di II grado. A contendersi il primato delle preferenze, licei (40,7%) e istituti tecnici (37,7%), mentre sono solo 9mila gli studenti che preferiscono gli istituti professionali.
I dati riferiscono che, sul totale degli studenti veneti, il 9,3% (53.716) degli alunni sono di cittadinanza non italiana. Quasi 16mila, invece, gli alunni con disabilità, principalmente nelle scuole primarie (6.411) e secondarie di primo grado (5.058). Parallelamente, gli insegnanti di sostegno sono 7.513: in media, uno ogni due alunni con disabilità.
Si registrano oltre 2mila immissioni in ruolo in Veneto: con 423 assunzioni, Vicenza è la provincia con il numero più alto di nomine in ruolo, seguita da Verona (413), Treviso (408), Padova (392), Venezia (329) Rovigo e Belluno (94).

Leggi tutto
classe

Incontri a scuola per educare alla sostenibilità ambientale

VENEZIA – Educare al riuso, sensibilizzando i giovani, significa anche insegnare a limitare gli sprechi ambientali, per costruire una coscienza consapevole e rispettosa della natura. Per questo motivo negli istituti scolastici del comune di Venezia sono iniziati gli incontri dedicati al cambiamento climatico e l’efficienza energetica, con l’intento di accompagnare le nuove generazioni verso un futuro più consapevole e sostenibile.

Leggi tutto