“Sentieri parlanti”, la nuova app che racconta le Dolomiti

Ambiente, storia, geologia, tradizioni, da oggi è tutto a portata di mano grazie alla nuova app “Sentieri parlanti”, nata dalla collaborazione tra la Regione, il CAI Veneto e la Fondazione Angelini e realizzata nell’ambito del progetto per la riqualificazione dei territori dolomitici riconosciuti come patrimonio UNESCO.

Per ora “Sentieri Parlanti” è disponibile solo su due importanti anelli escursionistici costituiti da un concatenamento di più sentieri: uno è l’Anello Pelmo, nel cuore delle Dolomiti, che si percorre in circa 8 ore e presenta, tra gli altri punti d’interesse, il sito dove sono visibili le Orme dei Dinosauri, e l’altro è l’Anello del Vallon Popèra, nella parte dolomitica settentrionale, teatro della Grande Guerra.
L’applicazione è di fatto un’audio-guida che si attiva automaticamente mentre si è sul percorso, informado su tutti i dati logistici necessari per capire dove si è e dove si sta andando, che dislivello c’è da aspettarsi e quale attrezzatura è indispensabile per percorrere il sentiero in sicurezza. Tra le altre informaioni, fornisce l’elenco completo con caratteristiche e modalità di accesso di tutti i rifugi del Veneto.
 
A.M. 
facebooktwitter

Lascia una risposta