Corri in rosa: la terza edizione da record per la lotta al tumore al seno nel trevigiano

0951_gruppone_percorso_lungo

Un’immensa nuvola rosa ha invaso San Vendemiano (TV) domenica 20 novembre. Sono state ben 7.865 donne in marcia per la lotta al tumore al seno che hanno partecipato con emozione e solidarietà alla terza edizione di “Corri in rosa”. Correndo o camminando le partecipanti hanno contribuito al pagamento di un mammografo acquistato dall’associazione Fiorot, che sarà a breve installato nell’ospedale di Conegliano per lo screening gratuito dedicato alle donne.

Da via De Gasperi la maratona è iniziata alle 10, in testa la madrina 2016 Alessandra Patelli, la 25enne coneglianese, semifinalista alle Olimpiadi di Rio 2016 e il consigliere regionale Sonia Brescacin. Commossa Valérie Delcourt, l’ideatrice di questa corsa tutta al femminile.

“Ogni anno è un’emozione in più. – ha affermato Delcourt – Ancora non mi capacito che quella che pensavo potesse essere una piccola corsa tra amiche sia diventata un evento così importante. Tante donne sono venute a ringraziarmi per quello che stiamo facendo, ma sono io che dico grazie a loro, sono loro la Corri in rosa. Il regalo più bello di oggi è stato il sole che ha baciato la partenza”.

A dare il via ufficiale il sindaco di San Vendemiano, Guido Dussin, il vicesindaco Renzo Zanchetta, il presidente dell’associazione Renzo e Pia Fiorot, Silvano Fiorot e Aldo Zanetti, amministratore unico di Maratona di Treviso, società organizzatrice della manifestazione inserita nel calendario Fiasp.

“Questa edizione – ha detto il sindaco Dussin-  è una conferma, in crescendo, del successo di una corsa che sta concretamente dando una mano per la lotta al tumore al seno. Dal 2017 partirà lo screening all’ospedale di Conegliano grazie al mammografo acquistato dall’Associazione Fiorot e che la Corri in rosa sta pagando. Le istituzioni, come la Regione, dovrebbero prepararsi a grandi eventi di volontariato come questa partecipando attivamente, mettendo risorse economiche per contributi finalizzati, così magari nei prossimi anni si potrebbe partire con la raccolta fondi per un altro mammografo”.

Anche il Governatore del Veneto, Luca Zaia era presente all’evento solidale.

“Sono davvero tante queste donne. – ha detto Zaia – Complimenti a loro che hanno deciso di esserci per questa importante causa. Grazie a tutti per contribuire a pagare il mammografo acquistato dall’associazione Fiorot. In Veneto il 95 % dei casi di cancri al seno grazie alle “brest unit” ha un esito positivo. Dobbiamo continuare a spingere sulla prevenzione.”

Tra i testimonial era presente anche Mister Italia International 2016 Vinicio Modolo.

Le prime ad arrivare nei 5 km sono state Maria Vian e Laura Donè, rispettivamente 16 anni e 24. Nei 10 km arrivo insieme, a braccia alzate, per la sorella di Maria, Irene Vian e Sabrina Boldrin, brillanti atlete di Atletica Silca Conegliano, specialista degli 800 la prima, del mezzofondo la seconda.

“Ci siamo divertite tantissimo, non potevamo non essere presenti – hanno detto le quattro atlete – è stato un dovere e un onore essere presenti oggi, onorando una corsa con una così importante causa”.

Spettacolare l’arrivo di Linda, mamma di Arianna (tre mesi), che ha corso i 5 km con la bambina nel passeggino.

“E’ la terza volta che ci sono insieme a mia mamma Sandra, il primo anno era reduce dalla chemioterapia – ha raccontato – abbiamo un valido motivo per esserci”.

 

Di Azzurra Gianotto

 

.

facebooktwitter