Contorta bocciato dall’Ispra, quale futuro per la crocieristica a Venezia?

grandinavi

L’Ispra boccia il progetto che prevede lo scavo del canale Contorta per il transito delle navi da crociera in laguna. Troppe, secondo l’Istituto Superiore per la protezione e la ricerca ambientale, le criticità che potrebbero mettere a serio rischio l’ecosistema del territorio. Il secco “no” dell’Ispra, oltre ad aggiungersi alle 134 osservazioni d’impatto ambientale già prodotte della commissione Via del ministero per l’Ambiente, rischia di far saltare definitivamente il progetto Contorta. Le associazioni ambientaliste propongono soluzioni meno invasive, per evitare che le grandi navi possano compromettere il delicato equilibrio ambientale della laguna veneziana, come la realizzazione di un terminal al Lido, salvaguardando così anche il valore dell’attività crocieristica a Venezia.

Intanto, i senatori PD Laura Puppato e Felice Casson, candidato sindaco di Venezia, sulla vicenda si sono espressi presentando un’interrogazione al governo, chiedendo che il rapporto di Ispra fosse reso pubblico e tenuto in considerazione in vista del parere definitivo della commissione di valutazione di impatto ambientale. Ma la battaglia non è ancora finita.

 

di
Marta Tudisco

facebooktwitter