scuola-elementare

Padova, crolla la scuola elementare De Amicis

Lunedì 10 ottobre si è sfiorata la tragedia: nella mattinata è crollato il controsoffitto di un’aula della scuola elementare Edmondo De Amicis.

“Sono molto dispiaciuto per l’accaduto soprattutto perché la nostra politica è di cura e attenzione verso le scuole, le famiglie, verso i bambini e verso tutte le persone che quotidianamente frequentano e lavorano all’interno degli edifici scolastici comunali. Quello che è accaduto è comunque un caso isolato, lo abbiamo verificato.

L’assessore dell’Edilizia pubblica del comune di Padova, Paolo Botton, rassicura i genitori e il comune:”Non ci sono stati feriti, né persone interessate in alcun modo da danni, anche per la prontezza delle maestre che, avvertito uno scricchiolio, hanno fatto sgomberare l’aula. Emetteremo un’ordinanza di inagibilità sull’aula e proseguiremo, nelle prossime ore, le valutazioni tecniche che consentano di dichiarare in sicurezza tutto l’edificio”. I lavori di manutenzione erano stati realizzati nel 2004 e ora ci si chiede come è stato possibile l’accaduto.

“Il lavoro eseguito nel 2004 alla De Amicis non è stato, infatti, realizzato a regola d’arte – dichiara Botton-  in quanto abbiamo accertato che i tasselli infissi nel solaio non avevano la tenuta che avrebbero dovuto avere e ciò ha comportato lo sfilamento dei tasselli stessi e il distacco del controsoffitto che, a sua volta, è stato installato per evitare lo “sfondellamento” delle tavelle del solaio. Voglio tuttavia tranquillizzare tutti coloro che frequentano le nostre scuole informando che abbiamo riscontrato che si tratta dell’unico intervento eseguito in quel modo in un edificio scolastico comunale”.

 

Di Azzurra Gianotto

Leggi tutto
scuola-alunni450

Nuovo bando regionale per gli edifici delle scuole paritarie

E’ la nuova iniziativa sperimentale assunta dalla Giunta reginale del Veneto, su proposta dell’assessore alla scuola Elena Donazzan, per le scuole materne, elementari e medie del sistema paritario veneto. Il bando prevede che le tre federazioni rappresentative degli istituti di ispirazione cattolica in Veneto (Fism per le materne. Fidae per elementari e medie e Foe per gli istituti della Compagnie delle Opere) selezionino tra i propri aderenti le scuole e gli interventi prioritari di messa in sicurezza svolti nel corso del 2016 e inoltrino domanda di contributo alla Regione entro il prossimo 30 novembre. Il contributo regionale non potrà superare il 70% della spesa sostenuta, per interventi compresi tra 10 e 50 mila euro. “Ho voluto attivare, in via sperimentale, questa forma di  aiuto alle scuole paritarie – dichiara Elena Donazzan – per la messa a norma dei loro edifici, in considerazione dell’importanza del servizio pubblico che svolgono in Veneto e della capacità di ‘rete’ che esiste tra istituti. Vista la ridotta disponibilità di risorse nel bilancio regionale di quest’anno, saranno quindi le federazioni delle scuole a gestire la lista delle priorità”. Se la gestione del bando darà esiti positivi, l’iniziativa potrà essere replicata con maggiori investimenti nei prossimi esercizi, dichiara l’assessore. “Si tratta di un modo innovativo e responsabile per intervenire, nonostante la crisi finanziaria, nell’edilizia scolastica, migliorando la qualità e la sicurezza degli edifici scolastici di proprietà privata”.

Di Azzurra Gianotto

Leggi tutto
vicenza_piazza_castello

Vicenza, città europea dello sport 2017

“Proprio da Vicenza è partita, in concomitanza con il sostegno della candidatura a Città dello Sport 2017, l’azione di sensibilizzazione verso il pubblico e le società sportive per la settimana dello sport nelle scuole. Il Veneto è la prima regione d’Italia a portare lo sport in classe come approfondimento interdisciplinare, a conferma del radicamento dell’attività sportiva nel nostro territorio e del valore educativo che tutte le discipline sportive  portano con sé”. Queste le parole in merito di Elena Donazzan, assessore alla Scuola e alla Formazione della Regione Veneto dopo il riconoscimento che Aces Europe ha attribuito a Vicenza il titolo di “città dello sport 2017″. L’assessore ha presentato ufficialmente il progetto “Settimana dello sport in classe” alla partita di campionato di basket serie B maschile. “Vicenza è terra di campioni e di sportivi e di grande impegno associativo, un contesto ideale per supportare le scuole di ogni ordine e grado nell’organizzazione della Settimana. Con il riconoscimento del titolo di ‘Città dello sport’, sono certa che Vicenza ora sarà in prima fila, insieme al Coni, nel promuovere questa sperimentazione”. “Il Veneto – prosegue – è una regione in testa alle classifiche nazionali per associazionismo e promozione sportiva, dove lo sport è tradizionalmente vissuto come occasione formativa ed esperienza associativa che completa e arricchisce il percorso educativo e sociale, non solo dei bambini e ragazzi in età scolastica, ma in tutte le età della vita. E Vicenza, con i suoi numeri di impianti, atleti, società e amatori, sarà degna ‘capitale’  dello spirito e della passione sportiva dell’intera regione”.

Di Azzurra Gianotto

 

Leggi tutto
ca foscari

Venetonight: domani la Notte europea dei ricercatori

L’Università Ca’ Foscari apre venerdì 25 settembre le porte della ricerca al grande pubblico con Venetonight, la Notte europea dei ricercatori cui l’ateneo veneziano partecipa per il sesto anno consecutivo  insieme all’Università Iuav Venezia e alle Università di Padova e Verona. Quest’anno La Notte Europea dei Ricercatori compie 10 anni! Il 2015 è il decimo anniversario dell’iniziativa che fa incontrare al grande pubblico i ricercatori di tutta Europa.

A Venezia l’edizione 2015 verrà aperta ufficialmente alle 17.00 con i saluti del Rettore, Michele Bugliesi dal cortile del palazzo gotico sede centrale dell’ateneo. Alle 17.30 in Aula Baratto a Ca’ Foscari “Le stanze dell’Acqua”, un progetto a cura di International Center for Climate Governance che vedrà la partecipazione di Marco Paolini, alle 18.30 si inaugurerà la mostra di Francesca Montinaro I am a monster – Ritratto continuo a CFZ.

Anche quest’anno Venetonight propone un programma ricco e sarà un’imperdibile occasione “live” per scoprire da vicino attività e successi della ricerca più innovativa: laboratori, talks, attività per bambini, visite guidate, concerti, giochi e tante altre attività. Un grande evento per il pubblico veneziano che l’anno scorso ha risposto con grande entusiasmo e partecipazione.

«Venetonight – spiega Michele Bugliesi, Rettore di Ca’ Foscari – è un riuscito esempio di come sia possibile avvicinare il pubblico al sapere scientifico e sensibilizzarlo, soprattutto i più giovani, all’importanza strategica della ricerca e dell’innovazione. Senza una buona ricerca non c’è innovazione e senza innovazione non c’è crescita. Contribuire a diffondere questa consapevolezza è compito delle università e il successo che ogni anno riscuote la Notte europea dei ricercatori è la dimostrazione di come sia forte l’interesse del pubblico a conoscere cos’è la ricerca, di cosa si occupa e quali sono i suoi risvolti concreti sul piano economico e sociale».

L’androne, i cortili, gli Spazi Espositivi, l’Aula Baratto, San Sebastiano, Ca’ Foscari Zattere e l’Auditorium Santa Margherita accoglieranno ricercatori e pubblico per la lunga maratona della ricerca che durerà fino a notte inoltrata e che vedrà alle 21.30 lo spettacolo “Cercatori e Trovatori”, un concerto di canzoni e musiche sul tema della ricerca e di chi cerca, dai primi uomini ai giorni nostri, nella vita, nella scienza, nell’arte.

Leggi tutto
Depositphotos_11375761_l_1

A Padova alberghi a disposizione per iniziative culturali giovanili

L’Assessorato alle Politiche Giovanili – Progetto Giovani del Comune di Padova presenta una nuova iniziativa dedicata ai giovani che vivono in città volta ad agevolare la disponibilità di spazi per esprimere il talento e valorizzare le passioni della #GenerazioneMerito.

L’obiettivo del progetto, denominato Infospazi, è quello di mettere a disposizione alcune sale degli alberghi per iniziative culturali giovanili e promuovere una partnership che permetta ad associazioni, gruppi e soggetti l’accesso agevolato a questi spazi attraverso l’Ufficio Progetto Giovani.
Grazie alla partecipazione di alcuni utenti del servizio Camera Oscura Toselli, la collaborazione è stata avviata attraverso la realizzazione delle mostre fotografiche “Punto di vista” negli spazi degli hotel.

Il servizio InfoSpazi si rivolge a singoli, gruppi e associazioni giovanili che organizzano attività ricreative, artistiche, teatrali, motorie o culturali indirizzate a giovani di età compresa tra i 15 e i 35 anni residenti o domiciliati nel Comune di Padova e che necessitano di un supporto per l’accesso agli spazi cittadini.

In una nota stampa, la Vice Sindaco, Eleonora Mosco, dichiara: “L’impegno dell’amministrazione – e, in particolare, dell’Assessorato alle Politiche Giovanili – è volto a garantire spazi idonei allo svolgimento delle attività dei giovani, dei gruppi e delle associazioni perché possano svolgere attivamente il proprio ruolo di cittadini per la crescita della comunità. La società, tuttavia, non è fatta solo di istituzioni ed enti: per questo siamo felici di poter collaborare con imprenditori ed esercenti che mettono a disposizione, regolamentati, i propri spazi per iniziative come questa”.

Da una prima mappatura delle sale disponibili in città, si è deciso di coinvolgere gli albergatori che mettono a disposizione le sale meeting con accesso agevolato per i giovani che vi arrivano attraverso l’Ufficio Progetto Giovani. Finora, le strutture che hanno aderito sono: Crowne Plaza Hotel, Hotel Al Cason, Hotel Europa, Hotel Milano, Hotel Plaza, Hotel Sheraton, Hotel Grand’Italia, Methis Hotel.

LE INIZIATIVE: LA MOSTRA “PUNTO DI VISTA”

Dalla collaborazione organizzativa tra il servizio InfoSpazi e la Camera Oscura Toselli è nata l’idea di “Punto di vista”, la sezione del progetto dedicata alla fotografia: ogni mese, un giovane appassionato di fotografia e utente della Camera Oscura espone i suoi scatti all’interno degli spazi messi a disposizione dagli albergatori.
Mercoledì 2 settembre 2015, alle 18:30, negli spazi del Methis Hotel Padova di Riviera Paleocapa 70, l’Assessorato alle Politiche Giovanili – Ufficio Progetto Giovani presenta la nuova mostra che sarà visitabile tutti i giorni dalle 16:00 alle 20:00 fino al 6 ottobre 2015.
Con il titolo “Lowering your PH”, saranno esposti i lavori di Cytric, un gruppo creativo composto da un fotografo professionista e insegnante di fotografia e un’artista specializzata in body painting ed effetti speciali.

Leggi tutto
maxresdefault

A Vicenza sbarca Silent Party, prima serata musicale a impatto zero

Piazza delle Erbe ospita “Silent Party”, una festa “silenziosa” a impatto zero, in cui la musica non si diffonde per via aerea, ma solo attraverso le cuffie dei partecipanti, sfruttando un sistema wifi a tre canali, affidati ciascuno a un diverso dj e a differenti generi musicali: jazz, lounge, orchestrale, italiana, rock, commerciale.

L’appuntamento è a Vicenza, per venerdì 10 luglio, a partire dalle 19,30 quando inizierà la distribuzione delle cuffie (costo del noleggio 5 euro con deposito di documento di riconoscimento) e la diffusione delle tre diverse proposte musicali tra cui i partecipanti potranno spaziare con un semplice click, a cui corrisponderà il cambio di colore della propria cuffia.

Nell’ambiente circostante, ovviamente, non si diffonderà alcun suono, se non quello dei probabili canti di partecipanti che, nel completo silenzio, potranno ballare in contemporanea ritmi e canzoni differenti.

L’iniziativa, che ha già avuto molto successo in ambienti chiusi e che per la prima volta nel nord Italia viene proposta nella piazza di un centro storico, è stata organizzata dall’ Associazione Centro Storico Città del Palladio e da Supermarket, in collaborazione con Askoll e Botteghe di Piazza delle Erbe, nell’ambito del cartellone L’estate a Vicenza. Palcoscenico urbano, promosso dal Comune di Vicenza con il Consorzio Vicenzaè.

Contemporaneamente e in sintonia con “Silent party”, che promuove un divertimento “a impatto zero” nel rispetto della bellezza dell’ambiente circostante, Askoll offrirà l’opportunità di provare le sue nuove biciclette elettriche, organizzando insieme alla storica Francesca De Munari dei tour guidati gratuiti che permetteranno di scoprire la città in un modo del tutto nuovo. Ogni mezz’ora gruppi di una decina di persone saranno condotti su biciclette elettriche tra le vie del centro storico, da corso Palladio a corso Fogazzaro, da contra’ Porti a piazza Castello, in un percorso a tappe durante le quali saranno raccontati aneddoti storici e culturali su Vicenza.

Durante l’evento, il supporto enogastronomico sarà assicurato dagli esercizi Calamaré, Officina del Gusto e Il Grottino, che si affacciano su piazza delle Erbe.

Leggi tutto
laureavenezia

Ca’ Foscari, nasce la scuola per studenti internazionali

Per gli studenti internazionali, si concretizza l’opportunità di ottenere una formazione completa, al fine di potersi integrare nell’Ateneo veneziano: nasce la Ca’ Foscari School for International Education. A partire dall’anno accademico 2015-2016 la Scuola offrirà corsi propedeutici per l’accesso alle lauree triennali e magistrali al fine di integrare le competenze culturali e linguistiche degli studenti internazionali che intendono iscriversi all’ Ateneo veneziano. In questo modo sarà possibile per gli studenti colmare lacune, se esistenti, e in modo e avere tutti i requisiti di accesso richiesti dai vari corsi di laurea.

«Siamo molto soddisfatti di avviare la Ca’ Foscari School for International Education – afferma il Rettore, Michele Bugliesi – che si presenta agli studenti internazionali come un’occasione di apprendimento della nostra storia, lingua e cultura, e di approfondimento delle materie di studio finalizzato a favorire l’inserimento di quanti desiderino iscriversi ai nostri corsi di laurea».

La Scuola contribuirà  anche allo sviluppo di un ambiente in grado di arricchire l’esperienza personale e di studio degli studenti italiani già iscritti a Ca’Foscari.«Tutto questo non sarebbe possibile – continua Bugliesi – senza l’esperienza fin qui maturata dal nostro ateneo nell’internazionalizzazione grazie a prestigiose iniziative come quella della Ca’ Foscari Harvard Summer School, fiore all’occhiello dell’offerta formativa di Ca’Foscari».

Tra le novità, è previsto anche un percorso annuale per gli studenti cinesi all’interno del progetto Marco Polo/Turandot, e la collaborazione con alcuni istituti veneziani come l’ Accademia di Belle Arti, il Conservatorio e l’ IED (Istituto Europeo di Design) per proporre corsi congiunti per studenti stranieri propedeutici all’iscrizione in questi istituti.

Nell’ambito poi delle attività della Ca’ Foscari School for International Education, diretta dalla prof.ssa Alide Cagidemetrio, proseguiranno le iniziative della Ca’ Foscari Harvard Summer School che quest’anno festeggia il suo decennale con una due giorni a Ca’ Dolfin: il 26 giugno la tavola rotonda “The Genesis of Venice” con la partecipazione del professore di Harvard Stephen Greenblatt, Jay Harris e Werrner Sollors; il 27 giugno la cerimonia ufficiale del decennale a Ca’ Dolfin.

Leggi tutto

MATURITA':DOPO 34 ANNI TORNA GRANDE ASSENTE, ARISTOTELE

Maturità: comincia domani per 36mila studenti veneti

Ci siamo, anche quest’anno sono arrivati i tanto attesi – quanto temuti – esami di maturità, che vedranno coinvolti oltre 36mila studenti della regione Veneto. Si parte domani, 17 giugno, con la prima prova, uguale per tutti gli indirizzi di studio: la prova di italiano. Le tracce, naturalmente, sono segretissime, ma c’è chi ancora prova a ‘hackerare’ il web alla disperata ricerca di una scorciatoia allo studio. Ma a frenare gli entusiasmi ci pensa la Polizia, che scoraggia gli studenti avvisandoli della presenza di falsi sul web. “Non perdete tempo prezioso alla ricerca di false notizie sulla rete – ammonisce Roberto Sgalla, Direttore Centrale per le Specialità della Polizia di Stato – rischiate di perdere la concentrazione necessaria per affrontare una prova così importante”.

Anche il Governatore Luca Zaia ha inviato il suo in bocca al lupo ai “Trentaseimila nuovi progetti di vita” che “stanno per spiccare il volo verso il loro futuro”.

“Adesso c’è un po’ di tensione, qualche naturale paura quando sembra di non ricordare più nulla e la montagna può sembrare troppo alta per essere scalata – aggiunge Zaia.  Siate umili ma consapevoli del vostro valore, siate leali con voi stessi,  non dimenticate che avete avuto ottimi insegnanti e che ciò che vi hanno trasmesso vi ha arricchito e fatto crescere, sappiate che siete voi il futuro di una regione che vi stima e vi ama”.

Si prosegue giovedì con la seconda prova, che varia a seconda dell’indirizzo del corso di studi: traduzione per i ragazzi del Classico, soluzione di un problema per lo Scientifico, argomentazione di un tema antropologico -pedagogico – sociologico per i ragazzi che studiano Scienze Umane, elaborazione di un progetto per i ragazzi dell’Artistico, analisi di un testo in lingua per i Linguistici, analisi relative alle materie caratterizzanti degli istituti Professionali.

Tregua per qualche giorno, poi appuntamento a lunedì con il test multidisciplinare predisposto dalle singole commissioni.
Unica eccezione per il liceo artistico, dove la seconda prova consiste in un progetto da realizzare in tre giornate, e quindi la giornata della terza prova è decisa dal presidente della commissione.

Leggi tutto
studenti

La legalità percepita dagli studenti di Ca’ Foscari

Il confine tra legalità e illegalità sembra essere sfumato e mobile. E le percezioni cambiano, a seconda dei casi. Per esempio, scaricare musica illegalmente viene considerato ammissibile da quasi tutti i giovani. Lo conferma un’indagine realizzata tra gli studenti di tre università italiane, tra i quali 1400 studenti dell’Università Ca’ Foscari Venezia, presentata oggi a Venezia nel corso del convegno “Cultura della legalità, imprese e pubblica amministrazione” organizzato dall’ateneo in collaborazione con la Camera di Commercio di Venezia.
La ricerca ha indagato l’opinione dei giovani universitari di Bari, Salerno e Venezia riguardo una serie di comportamenti, come ottenere un favore con una ‘bustarella’, pagare le tasse meno del dovuto, accettare un lavoro senza un regolare contratto.
“L’obiettivo dell’indagine era comprendere quali possono essere i fattori che creano quel terreno fertile necessario al diffondersi di comportamenti illegali – spiega Giovanni Bertin, professore di Sociologia al Dipartimento di Economia di Ca’ Foscari -. Abbiamo riscontrato come le norme lascino spazio a interpretazioni e come l’eccesso di norme finisca per produrre ambiguità. Il fattore chiave, poi, è la coerenza: ciò che è considerato ammesso nel gruppo sociale difficilmente potrà essere vietato da una legge in modo efficace”.
Secondo l’indagine, gli studenti mostrano di avere maggior attenzione ad alcune norme che riguardano la vita comune (parcheggi per i disabili. bustarelle, tasse…) e ritengono che la società sia troppo permissiva con la trasgressione di questi comportamenti, mentre evidenziano come Internet abbia modificato l’idea di proprietà dei beni intellettuali.
Il 92,7% degli intervistati ritiene che scaricare musica illegalmente sia ammissibile e che gli potrebbe capitare. Il 62% ha lo stesso atteggiamento nei confronti dell’acquisto di merce contraffatta. La propensione all’illegalità cala quando si tratta di vita comune: pagare le tasse meno del dovuto e parcheggiare sui posti riservati ai disabili sono comportamenti ammissibili e possibili rispettivamente per il 49% e il 47,5% dei cafoscarini intervistati.

La ricerca proseguirà applicando questi indici al contesto locale, per trovare i ‘campanelli d’allarme’ dell’illegalità nel tessuto economico e produttivo veneto.

Leggi tutto
premio tesi

Premio per tesi di laurea

L’Ecoistituto del Veneto Alex Langer e la Fondazione ICU – Istituto Consumatori Utenti ripropongono anche per il 2015 il Premio Ecologia Laura Conti dedicato alle tesi di laurea. Il premio è ormai giunto alla sedicesima edizione e continua nell’obiettivo di valorizzare tesi di laurea di neo laureati, lavori spesso pregevoli ma che troppe volte rimangono negli archivi delle Università.

Leggi tutto