20150902_135306

Venezia 72: Everest, Gyllenhaal “Una storia di grande responsabilità”

Everest è il film che questa sera darà ufficiamente avvio alla 72 Mostra internazionale d’Arte cinematografica di Venezia. A poche ore dall’apertura delle porte della Sala Grande, la crew del film diretto da Baltasar Kormakur ha presentato alla stampa la storia della spedizione del 1996 verso la cima del monte più alto del mondo.

“È la storia di un ensemble – ha affermato Kormakur -. Si trattava di un momento cruciale e dovevamo capirlo in ogni suo aspetto per interpretarlo nel modo più adeguato. Era necessario imparare il più possibile da tutti I personaggi, per poter entrare nella storia. Eravamo preoccupati di non riuscire a capire tutti gli aspetti che riguardano lo scalare una montagna, ma sono molto felice di aver messo insieme un cast così spettacolare. Nessun personaggio è secondario, in questa storia. Sono tutti protagonisti di una grande impresa”

Josh Brolin e Jake Gyllenhaal definiscono il loro in ruolo di grande responsabilità. “Ci siamo assunti una responsabilità enorme – ha detto Brolin -. Alcuni dei personaggi sono vivi, altri no. Durante la proiezione loro erano in sala, abbiamo pregato di non averli mancati di rispetto. È stata un’esperienza speciale e speriamo di aver rispettato l’anima di ciò che è stato”

“Non ero pienamente consapevole del fatto che la storia avesse coinvolto profondamente la famiglia e i figli del mio personaggio” ha aggiunto Jake Gyllenhaal “Loro mi hanno subito contattato, preoccupati di come il padre potesse essere rappresentato. Ci siamo visti, mi hanno raccontato tutto di lui e grazie a loro sono riuscito a conoscerlo meglio. Ma dovevo riuscire a trovare la sua energia, la sua essenza. L’essenza della spedizione e di tutti coloro che vi hanno partecipato”

Questa sera, insieme alle cariche istituzionali, sfileranno sul red carpet le stelle della Mostra. Attesissimo l’arrivo di Johnny Depp, che dopo 7 anni fa ritorno al Lido con “Black Mass”.

 

di
Marta Tudisco

Leggi tutto
lavoro-mostra-cinema-venezia-2013

Venezia 72, tutte le informazioni sull’apertura della Mostra del Cinema

Mancano appena 48 ore e il Lido di Venezia comincerà a riempirsi di star, bellezze, attori, autori che caratterizzeranno la 72° edizione della Mostra del Cinema di Venezia.
Grandi attese e grandi aspettative, quest’anno, per uno degli eventi cinematografici più apprezzati di tutto il mondo. L’elenco degli ospiti d’ “onore” non è ancora aggiornato e completo, ma qualche voce indiscreta comincia a farsi strada. Tra i più attesi, il protagonista di “Black Mass” di Scott Cooper, che verrà presentato in anteprima mondiale, Johnny Depp. Tra le presenze accreditate, Tilda Swinton e Keira Knightley, insieme a Juliet Binoche ed Eddie Redmayne, premio Oscar e protagonista di The Danish Girl.
Il red carpet diventerà tricolore, grazie ai tanti artisti italiani presenti quest’anno alla Mostra. Oltre a Marco Bellocchio, Giuseppe Gaudino, Luca Guadagnino e Piero Messina, tutti in Concorso, gli attori Filippo Timi, Alba Rohrwacher, Valeria Golino, Riccardo Scamarcio.
Si comincia il 2 settembre, con la cerimonia di inaugurazione che vedrà la presenza del capo dello Stato Sergio Mattarella. Film d’apertura sarà il drammatico di Baltasar Kormákur “Everest”, tratto dal saggio Aria sottile (Into Thin Air), scritto nel 1997 da Jon Krakauer e dedicato alla tragica spedizione sul monte Everest del 1996. Tra le migliaia di pellicole, in totale sono 55 i lungometraggi della Mostra, di cui 21 in Concorso, 16 Fuori Concorso e 18 nella sezione Orizzonti, in attesa di essere divorati dagli oltre 3mila giornalisti in arrivo da tutto il mondo.
Leggi tutto
Taranto, arrivo dei profughi libici da Lampedusa

Profughi, il prefetto fa i conti: “5688 i profughi accolti in 124 comuni”

In Veneto a oggi sono 5688 i profughi accolti in 124 comuni, a fronte della quota prevista per la regione di 7168 migranti. La capienza prevista registra quindi ancora una disponibilità residua di 1480 posti. A dare i numeri dell’accoglienza è il prefetto di Venezia Domenico Cuttaia, che ieri ha incontrato i vertici del consiglio regionale.
Al Veneto – ha chiarito – spetta l’accoglienza di 650persone ogni 10mila, ma non si tratta di cifre definitive visti i continui arrivi dall’Africa. Complessivamente, il Veneto ha già accolto dall’intesa 2014 oltre 14.700 persone. Una cifra che comprende tutti i profughi che sono transitati dal Veneto, e quindi anche quelli che allo stato attuale non sono più assistiti nelle strutture di accoglienza e che in gran parte sono oggi presenti in altri paesi europei.

“Non esistono – ha sottolineato il Prefetto – evidenze di tipo criminale che riguardano i profughi accolti in Veneto”. Quindi ha lanciato in Consiglio la sua proposta: la creazione di una cabina di regia per il territorio veneziano che, coinvolgendo i rappresentanti della Regione, del comune capoluogo, dell’Anci ed i sindaci interessati all’accoglienza, possa essere ambito di conoscenza immediata dei flussi e luogo di possibilità di scelta condivisa con tutti gli attori.

Leggi tutto
the_danish_girl_704_1

Mostra del Cinema, tutti i film in programma a Venezia

Presentato l’elenco completo dei film che verranno proiettati alla 72° edizione della Mostra del Cinema di Venezia. In tutto, 55 i film in programma all’interno delle sezioni “In Concorso”, “Fuori Concorso” e “Orizzonti”.

Come ogni anno, la Mostra segna il ritorno di molti cineasti veterani e la presenza di altrettanti artisti esordienti.

Tra i tanti film in concorso, segnaliamo Francofonia, del russo Aleksandr Sokurov, già vincitore del leone d’oro nel 2011, girato completamente all’interno del Louvre; The Danish Girl, di Tom Hooper, sulla storia di Lili Elbe, una delle prime persone ad aver fatto il cambio di sesso, nel film interpretata da Eddie Redmaine.

La giuria sarà presieduta dal regista messicano Alfonso Cuarón, e comprenderà anche lo scrittore Emmanunel Carrère, l’attrice e modella tedesca Diane Kruger, il regista taiwanese Hou Hsiao-hsien e il regista italiano Francesco Munzi.

Ad aprire il festival ci sarà l’anteprima di Everest di Baltasar Kormákur, con Jason Clarke, Jake Gyllenhaal, Josh Brolin, John Hawkes, e Robin Wright.

Ecco il programma delle sezioni principali:

In concorso

  • Emin Alper, Abluka (Frenzy)
  • Laurie Anderson, Heart of a dog
  • Marco Bellocchio, Sangue del mio sangue
  • Sue Brooks, Looking for grace
  • Drake Doremus, Equals
  • Atom Egoyan, Remember
  • Cary Fukunaga, Beasts of no nation
  • Giuseppe M. Gaudino, Per amor vostro
  • Xavier Giannoli, Marguerite
  • Amos Gitai, Rabin, the last day
  • Luca Guadagnino, A Bigger splash
  • Oliver Hermanus, The endless river
  • Tom Hooper, The danish girl
  • Charlie Kaufman/Duke Johnson, Anomalisa
  • Piero Messina, L’attesa
  • Jerzy Skolimowski, 11 minut (11 minutes)
  • Aleksandr Sokurov, Francofonia
  • Pablo Trapero, El clan
  • Christian Vincent, L’hermine
  • Zhao Liang, Behemoth

Fuori concorso

  • Baltasar Kormakur, Everest (film d’apertura)
  • Hu Guan, Lao pao er (Mr Six) (film di chiusura)
  • Daniel Alfredson, Go with me
  • Claudio Caligari,Non essere cattivo
  • Scott Cooper, Black mass
  • Thomas McCarthy, Spotlight
  • Martin Scorsese, The audition
  • Evgeny Afineevsky, Winter on fire
  • Noah Baumbach/Jake Paltrow, De Palma
  • Amy Berg, Janis
  • Sergei Loznitsa, Sobytie (The event)
  • Franco Maresco, Gli uomini di questa città io non li conosco
  • Gianfranco Pannone, L’esercito più piccolo del mondo
  • Tsai Ming-liang, Na ri xiawu (Afternoon)
  • Frederick Wiseman, In Jackson heights
  • Yann Arthus-Bertrand, Human (proiezione speciale fuori concorso)

Orizzonti

  • Merzak Allouache, Madame Courage
  • Joko Anwar, A copy of my mind
  • Alberto Caviglia, Pecore in erba
  • Samuel Collardey, Tempête
  • Brady Corbet, The childhood of a leader
  • Renato De Maria, Italian gangster
  • Vahid Jalilvand, Wednesday
  • Yaelle Kayam, Mountain
  • Tobias Lindholm, A war
  • Vetri Maaran, Interrogation
  • Jake Mahaffy, Free in deed
  • Gabriel Mascaro, Boi Neon
  • Dito Montiel, Man down
  • Hadar Morag, Why hast thou forsaken me?
  • Rodrigo Pla, Un monstruo de mil cabezas
  • Anita Rocha, Da Silveira_, Mate-me por favor_
  • Nicolas Saada, Taj Mahal
  • Yorgos Zois, Interruption
Leggi tutto
1435327622382

Mostra del Cinema, gli Italiani a Venezia

Saranno quattro gli italiani a correre per il Leone d’Oro alla Mostra del Cinema di Venezia, in programma dal 2 al 12 settembre.

Marco Bellocchio torna in laguna con “Sangue del mio Sangue”, film drammatico basato sulla scoperta delle antiche prigioni di Bobbio, dove una monaca fu murata viva nella prigione convento di Santa Chiara.

Luca Guadagnino si presenta alla kermesse lidense con “A Bigger Splash”, vantando un cast internazionale composto da Tilda Swinton, Dakota Johnson, Ralph Fiennes e Margot Robbie.

Tra i quattro italiani, figura un esordiente, Piero Messina, siciliano, classe 1981, che sbarca a Venezia con “L’Attesa”, un dramma corale ambientato nell’entroterra siciliano.

A chiudere il poker, “Per Amor Vostro” di Giuseppe Gaudino, la storia di una donna prigioniera dei suoi demoni interiori.

Ad arricchire il programma della Mostra veneziana, tre italiani fuori concorso e due nella sezione Orizzonti.

Per la prima, Gianfranco Pannone, col documentario “L’esercito più piccolo del mondo”, Franco Maresco, anch’egli col documentario “Gli uomini di questa città io non li conosco” e il film postumo di Claudio Caligari, “Non essere Cattivo”. Per la sezione orizzonti “Italian Gangster” di Renato De Maria e “Pecore in Erba” di Alberto Caviglia.

 

di
Marta Tudisco

Leggi tutto
johnnydeppven

Mostra del Cinema, tutte le star a Venezia

Venezia sarà presto illuminata dalla presenza delle star che calcheranno i red carpet della 72° Mostra del Cinema.

Sarà letteralmente invasa dai vip, la kermesse lidense: si contano presenze del calibro di Johnny Depp, protagonista di Black Mass, a Kirsten Stewart. Ma tra i tanti attori che potrebbero arrivare a Venezia, non si escludono Josh Brolin, Robin Wright e Keira Kinghtley del film di apertura Everest, Anthony Hopkins per Go With Me di Daniel Alfredson, oltre a Depp anche Benedict Cumberbatch e Dakota Johnson per Black Mass di Scott Cooper, Michael Keaton, Mark Ruffalo per Spotlight di Thomas McCarthy.

Certo è che se si facesse vedere il trio DiCaprio, De Niro e Pitt, del corto di Martin Scorsese The Audience, nella sezione Fuori Concorso, il pubblico potrebbe impazzire

Previsto anche l’arrivo di Tilda Swilton e Ralph Fiennes per A Bigger Splash di Luca Guadagnino, Eddie Redmayne, fresco di Oscar, per A Danish Girl di Tom Hooper e Juliette Binoche per L’attesa di Piero Messina.

Non meno importanti le star della sezione Orizzonti, che potrebbe portare a Venezia Berenice Bejo, Robert Pattinson e Shia LaBeouf.

 

di
Marta Tudisco

Leggi tutto
UXCDDBPJMO54709

Johnny Depp alla Mostra del Cinema con Black Mass

Sarà presentato il 4 settembre alla 72° Mostra del Cinema di Venezia, in anteprima mondiale e fuori concorso, il nuovo film con protagonista Johnny Depp: Black Mass, di Scott Cooper, già regista di Crazy Heart e Il fuoco della vendetta. Il film, interpretato da Johnny Depp, che vestirà i panni del gangster James “Whitey” Bulger, e da un prestigioso cast composto da Joel Edgerton, Benedict Cumberbatch, Dakota Johnson, Peter Sarsgaard e Kevin Bacon, verrà proiettato il 4 settembre, presso la Sala Grande del Palazzo del Cinema, al Lido di Venezia.

Non è ancora giunta alcuna conferma circa la presenza di Depp, ma trattandosi del protagonista, è molto probabile che non mancherà all’appuntamento.

TRAMA: Negli anni Settanta a Boston, l’agente dell’FBI John Connolly (Edgerton) convince il gangster irlandese Jimmy “Whitey” Bulger (Depp) a collaborare con l’FBI per eliminare il loro nemico comune: la mafia italiana. Black Mass racconta la storia di questa insolita alleanza che presto degenera, permettendo a Whitey di eludere la legge, consolidare il potere e diventare uno dei più spietati e pericolosi gangster nella storia di Boston.

 

di
Marta Tudisco

Leggi tutto
lagoapre

Lago Film Fest si scatena con l’edizione X+1

Presentata ieri, mercoledì 1 luglio, in conferenza stampa presso la provincia di Treviso la nuova edizione di Lago Film Fest di Revine Lago, il festival internazionale di cortometraggi e sceneggiature. Alla presenza dell’assessore alla cultura della provincia di Treviso, Silvia moro, del consigliere Matteo Piol e dei due direttori artistici, Viviana Carlet e Carlo Migotto, sono state illustrate al pubblico le novità di questo evento, che da undici anni contribuisce a dare un’ottima visibilità al piccolo borgo di Lago e a tutto il territorio trevigiano.

Dopo un momento di incertezza, alla fine dell’edizione del 2014, in cui gli stessi organizzatori avevano annunciato la fine del Festival, si è deciso di continuare nel segno della sperimentazione, della condivisione e della partecipazione. La nuova edizione, denominata “X+1″, andrà in scena dal 24 luglio all’1 agosto, e, per onorare il lavoro del festival, durante la settimana, i ragazzi del collettivo ZERO VIDEO, per la seconda volta a Lago, gireranno il documentario “Lago Film Fest”, di cui è stato già diffuso il trailer.

Anche quest’anno il programma si compone di un mix eterogeneo che contempla, insieme alle ‘classiche’ proiezioni di cortometraggi e lungometraggi, anche performance musicali e artistiche, workshop, dibattiti e masterclass.

La giuria che premierà i film in competizione è composta all’autore di animazioni inglese Peter Millard; dall’attrice rumena Cosmina Stratan, che con la sua prova in “Beyond the Hills” di Cristian Mungiu guadagnò la Palma d’Oro a Cannes per la Migliore Interpretazione Femminile nel 2012; da Alfredo Covelli, documentarista sperimentale e controcorrente, premiatissimo all’estero e autore tra gli altri del recente “With Real Stars Above my Head”; il compositore e regista argentino Sebastian Wesman, il cui primo lungometraggio “Metàfora” sarà qui proiettato in anteprima mondiale; e infine, Danilo Carlani e Alessio Dogana, autori poliedrici, dalla cosceneggiatura della serie di Maccio Capatonda “Mario” (MTV) alla regia della trilogia di documentari “Stati Nascenti”.

Invariato il fulcro dell’evento, il cortometraggio: saranno 101 i titoli in programma quest’anno, provenienti da venti paesi, suddivisi tra la competizione Internazionale (trentuno), Nazionale (venti) e Veneto (sette); venti i film per Nuovi Segni, la sezione riservata cinema sperimentale e videoarte, mentre la sezione Unicef dedica ben ventitré titoli agli spettatori più giovani.

Fuori competizione vi saranno molte proiezioni speciali dedicate ai registi Daniel Djamo e Dominic Gagnon, rispettivamente per i lungometraggi “Unicorn Tales” (sulla diaspora di rumeni e rom in Austria) e “Hoax_Canular” (mashup di video amatoriali di teenager, pescati dal Web); proiezioni dedicate a operazioni di storytelling quale Sogni nei cassetti, realizzato dall’Università di Ca’ Foscari; o il contest in collaborazione con Zooppa “Sei uno Zoopper da Festival?”, in cui l’oggetto da ibridare è il videocurriculum.

In ognuna delle passate edizioni il festival ha offerto a paesi diversi l’opportunità di svelare la loro l’identità creativa; quest’anno tale spazio va alla Svezia, attraverso una retrospettiva, con uno speciale appuntamento su Ingmar Bergman, ad artisti e filmmakers contemporanei, con le proiezioni dedicate a Roy Andersson (Leone d’Oro a Venezia 2014), John Skoog e a pellicole di culto da riscoprire come “Fucking Åmål” di Lukas Moodysson.

Assolutamente da non perdere i workshop: su tutti, quello dedicato alla tecnica del Blobbing, patrocinato e coordinato dalla redazione stessa del programma di RaiTre, e volto alla realizzazione di pillole di video; e quello affidato a Kino Kabaret con la collaborazione di Euphoria Borealis, un laboratorio di cinema indipendente di respiro internazionale.

Molte le iniziative per l’infanzia a far da corollario alla sezione Unicef, di cui citiamo il workshop “Da grande farò il regista!” mirato alla realizzazione di un libro di illustrazioni sul tema. Si riconferma l’iniziativa Diciottocchi, riservata a fotografi, illustratori e videomaker che si aggireranno per il Festival assorbendone le suggestioni, e restituendone infine un ritratto personale cui sarà data visibilità negli spazi social del LFF.

Ci saranno anche molti incontri e dibattiti, tra cui quello sull’editoria indipendente organizzato da Lahar Magazine in collaborazione con Treviso Comic Book Festival e quello sulla motion comic “Orfani”, tratta dall’omonimo fumetto di fantascienza e prodotta da Sergio Bonelli Editore e RaiCom; quello su umorismo, satira e generazioni d’autori a confronto, che accosterà le parodie di Massimo Olcese (Avanzi, Tunnel) al situazionismo feroce dello “Sgargabonzi” e tirerà le somme d’un linguaggio in continua evoluzione, grazie anche a interventi di Enrico Lando (I Soliti Idioti) e Sergio Spaccavento (coautore di Maccio Capatonda); e quello, proposto dalla Scuola Holden di Torino su cinema e serialità televisiva.

Infine, due appuntamenti a cura dei giurati: un workshop di animazione scanzonata diretto da Peter Millard e una masterclass su cinema e musica con Sebastian Wesman.

Figlia della volontà di avvicinare pubblico e autori è poi la collaborazione con Nisimazine, laboratorio di critica cinematografica coordinato dal network europeo di NisiMasa e la presenza sul campo di Radio Belluno, che nella figura di Guido Beretta si occuperà di trasmettere live dal festival e sarà inoltre responsabile di “Close your eyes”, laboratorio di minidocumentari sonori sul Lago Film Fest.

Leggi tutto
Schermata 2015-07-01 alle 12.37.47

Vacanze dell’anima: al via la VI edizione

Il passato come chiave per trasformare il futuro: questo il focus al centro della VI edizione del Festival tra Pedemontana del Grappa, Colli Asolani e Montello. 30 appuntamenti dal 18 al 25 luglio, costruiti con la rete di attori locali e la collaborazione straordinaria di Slow Food Italia e Unesco.

La riflessione sul passato diventa occasione per pensare il territorio, la sua identità e il suo sviluppo sociale ed economico, utilizzando cultura e turismo come chiavi di valorizzazione e di internazionalizzazione.

La Memoria guida i ribelli, titolo del programma 2015, è un esercizio di pensiero, ma soprattutto di esperienza. Da sabato 18 a sabato 25 luglio, sono 30 gli appuntamenti ad ingresso gratuito – fra incontri, spettacoli, workshop, laboratori, visite guidate e degustazioni – che compongono un viaggio nei luoghi del paesaggio – siti culturali, ambientali e imprese – attraverso i temi della storia, della salute, della sostenibilità, della produzione artigianale e agricola, con proposte pensate per attivare la cittadinanza e i visitatori.

Una progetto corale, che vede come capofila Confartigianato AsoloMontebelluna, a cui si affianca una rete diffusa di attori pubblici e privati: istituzioni locali, categorie economiche, associazioni e imprese. Promosso e patrocinato da 14 Comuni, il Festival, ideato da Loris De Martin, è sostenuto da Treviso Glocal e da Ebav-Ente Bilaterale Artigianato Veneto, insieme a numerose aziende locali. Sinergico al piano strategico dell’IPA Pedemontana del Grappa e Asolano e inserito nel circuito Reteventi, l’evento è inoltre patrocinato da Provincia di Treviso e Regione del Veneto.

La collaborazione con Unesco è destinata ad approfondire il percorso di riconoscimento del territorio come Riserva di Biosfera, assegnato solo ad una decina di aree in Italia. Insieme all’ufficio di Venezia per la Scienza e la Cultura in Europa, saranno realizzati 3 workshop ed un incontro pubblico che presenta il progetto. Un invito a scoprire il territorio è proposto da una serie di iniziative collaterali. Sapori dell’anima mette insieme ristoratori e aziende agricole locali per la composizione di speciali menù a km0.

Tre le visite guidate, sul Massiccio del Grappa, nel borgo di Asolo e al Museo Canova, oltre alla possibilità di visita dell’Isola del Musei. Anche quest’anno il programma di Vacanze dell’anima intreccia quello della rassegna musicale internazionale Gioie Musicali, con cui condivide sei appuntamenti, coinvolgendo artisti internazionali e giovani talenti.

Programma

Il programma si apre il 18 luglio con Roberto Vecchioni e un omaggio alla memoria come motore di cambiamento, in un luogo simbolo dalla Grande Guerra di cui quest’anno ricorre il Centenario. Il Massiccio del Grappa è destinazione di una visita guidata (dalle 9 alle 17), mentre alle 20.30 lo scenario naturale di Cima Monte Tomba ospita il dialogo intenso con Vecchioni, La Memoria narrata.

Domenica 19 luglio è giornata dedicata della terra: il festival si sposta ad Asolo con un intenso programma centrato su agricoltura e biodiversità. In centro storico una mostra-mercato di prodotti tipici a km 0 e sfiziose degustazioni proposte nei locali del borgo. Al centro La Fornace, il biologo Carlo Modonesi guida la riflessione sull’uso sostenibile dei fitofarmaci (ore 20.30) e gli Yo Yo Mundi presentano Terra Madre, Sorella Acqua, fratello seme, spettacolo di musica e narrazione nato in collaborazione con il centro studi di Slow Food. Alle 21.45 al Teatro Duse, lo spettacolo teatrale di Francesca Manieri e Federica Rosellini, ispirato alla biografia e all’opera della fotografa Diane Arbus.

Lunedì 20 luglio alle 18, nella sala consiliare di Maser, sarà presentato il progetto Unesco Riserve della Biosfera. L’appuntamento, aperto a tutti, rappresenta il momento conclusivo di tre workshop, riservati ad amministratori pubblici e imprese, e realizzati con la partecipazione di 5 delegazioni europee, per riflettere sulla candidatura del territorio al prestigioso riconoscimento, basato su un percorso concreto e partecipato verso lo sviluppo sostenibile.

Martedì 21 a Monfumo, in scena la memoria al femminile e il ruolo delle donne nello sviluppo, con Carmen Leccardi della Fondazione Elvira Badaracco (ore 20.30 scuole elementari). La serata prosegue con uno spettacolo inedito: Hi Jack fa rivivere la storia straordinaria di Giovanni Costa, cercatore d’oro che a fine Ottocento lasciò la sua Pederobba per partire alla volta dell’Alaska.

Mercoledì 22 alle 20.30 la chiesa di Santa Lucia a Castelcucco ospita un incontro con Paolo Casartelli, biologo molecolare e terapeuta, fra i massimi studiosi del modello cranio-sacrale. A seguire, il concerto del trio Minimal Klezmer.

Giovedì 23 ad Asolo (21.30), la chiesa di San Gottardo fa da cornice al concerto della prestigiosa orchestra pechinese Golden Sails Symphony Orchestra, composta da 140 giovani elementi e diretta dal maestro Zheng Liu, in Italia per altre tre tappe prestigiose, a Verona, Venezia e Firenze.

Venerdì 24 all’ex Caserma San Zeno di Cassola, Piercarlo Grimaldi, rettore dell’Università di Scienze Enogastronomiche di Pollenzo-Bra, in dialogo con il pianista Filippo Faes, racconta il progetto Granai della Memoria: nato dall’ateneo fondato da Slow Food, consiste nella creazione di un archivio in rete che custodisce la voce e la testimonianza di contadini, operai, imprenditori, artigiani, partigiani, detentori di storie e di saperi spesso dimenticati. A seguire, lo spettacolo L’albero storto – una storia di trincea: Beppe Casales, affiancato dalla chitarra di Isaac De Martin e dal coro Valcavasia fa rivivere la memoria della vita quotidiana dei soldati al fronte durante la Grande Guerra.

Il viaggio di Vacanze dell’anima si conclude sabato 25 luglio con un momento di condivisione: al Museo Canova di Possagno una cena sostenibile curata da Slow Food Veneto e dai ristoratori locali, con un menù ispirato dallo chef Galdino Zara. Prima della cena, alle ore 18, la proposta di una visita guidata al Museo. La cena sarà occasione per una riflessione sul tema dello spreco alimentare, che coinvolge l’intero pianeta e riprende il senso profondo del Festival: il percorso di Vacanze dell’Anima nasce infatti per stimolare un nuovo modello di sviluppo, per valorizzare e non sfruttare il territorio, con il contributo degli attori locali e di saperi, sensibilità, esperienze internazionali.

Leggi tutto
levante-dal-vivo

Tra Ville e Giardini, al via stasera con Levante

Tocca a Levante dare il via stasera alla XVI edizione di Tra Ville e Giardini, sul palco di Villa Selmi di Polesella (Rovigo), a partire dalle 21.30.

Dopo il successo ottenuto con il suo album d’esordio “Manuale Distruzione”, uscito a marzo 2014 ed entrato subito nella top ten delle vendite, Levante, al secolo Claudia Lagona, è ora in tour per presentare il suo secondo lavoro, “Abbi cura di te”, uscito il 5 maggio (INRI / Carosello Records), anticipato dal singolo “Ciao Per Sempre”, e con cui Levante cerca la consacrazione definitiva che confermi il suo talento di musicista e autrice. .

L’anno scorso, Levante è stata selezionata da Mtv tra i finalisti degli European Music Award di Glasgow come “Best italian act” e, sempre nel 2014, ha ottenuto un premio dalla Academy Medimex per la sua opera prima come la migliore dell’anno, oltre a concorrere come finalista al Premio Tenco.

Levante, che nel tour di quest’estate ha condiviso e condividerà in altre date il palco con un big internazionale come Paolo Nutini, a Polesella sarà accompagnata da Gionata Mirai, alla chitarra, da Alessio Sanfilippo alla batteria, da Matteo Curallo alle tastiere e da Mattia Bonifacino al basso.

Tra Ville e Giardini, organizzato dall’Ente Rovigo Festival con la direzione artistica di Claudio Ronda, in collaborazione con la Provincia ed i 14 Comuni che ospiteranno le altrettante tappe del lungo viaggio estivo, possibile grazie al contributo della Fondazione Cariparo, della Regione Veneto, della Camera di Commercio, come di consueto, non esaurisce la propria proposta nella rappresentazione, ma fa sì che la cornice stessa sia parte integrante del momento artistico. E ad accogliere il concerto di Levante sarà villa Selmi, location nota agli amanti della notte, ma novità nel panorama del festival.

Il costo del biglietto unico non numerato è di 5 euro e sarà acquistabile in loco fin dalle ore 20. Sarà possibile anche sottoscrivere i due abbonamenti previsti per l’edizione 2015 di Tra Ville e Giardini, i cui spettacoli quest’anno sono tutti con ingresso a 5 euro: l’abbonamento “sostenitore” per chi vuole dare il proprio contributo al festival ottenendo con un versamento di 50 euro il pass non nominale e quindi cedibile a terzi per tutti e 14 gli spettacoli (in pratica quattro spettacoli sono offerti) e l’abbonamento “smart” che costa 30 euro prevede la possibilità di scegliere i sette spettacoli cui assistere (uno è in omaggio).

Leggi tutto