ZAIA_COLLINE PROSECCO

Le colline di Conegliano e Valdobbiadene candidate a patrimonio dell’Unesco

Potrebbero presto ricevere il marchio “World Heritage Unesco” le colline venete di Conegliano e Valdobbiadene. Il 26 gennaio è partito il via libera alla candidatura a patrimonio dell’umanità del Consiglio direttivo della Commissione nazionale italiana dell’Unesco. La Commissione nazionale italiana dell’Unesco presieduta da Franco Bernabè, ha superato la tappa decisiva per approdare ai tavoli della Segretariato Unesco di Parigi.

Le colline del Prosecco sono una delle due candidature tricolori per l’esclusiva classifica dell’organismo culturale internazionale: ogni Stato membro dell’Unesco ha infatti un limite annuale di due candidature da presentare per la lista dei patrimoni dell’umanità, una a valenza spiccatamente culturale e una a valenza naturalistico-paesaggistica, quali sono appunto le terre del Prosecco.

“E’ una giornata storica – commenta il Presidente del Veneto, Luca Zaia – voglio innanzitutto ringraziare tutti quelli che hanno lavorato al dossier, una fantastica squadra che ha visto intrecciarsi professionalità di altissimo livello, veri e propri cultori e conoscitori del territorio. Un’altra porzione di Veneto sta dunque per entrare nell’olimpo dei grandi siti dell’umanità”.

Zaia aggiunge: “Ora ci manca l’ultimo miglio per raggiungere l’ambito risultato. Il raggiungimento del marchio Unesco è un grande risultato per il Veneto, che premia un dossier ben fatto, con tutte le carte in regola, e un territorio che ha fortemente creduto in questa candidatura. La tutela Unesco rappresenterà l’inizio di una nuova era, che affida una grande responsabilità al  Veneto e ai veneti, e motiverà l’intero territorio. Ci riteniamo ufficialmente a disposizione, come ente e territorio, per il Segretariato Unesco”.

Ora la Commissione nazionale per l’Unesco consegnerà il dossier, inviato dalla Regione Veneto, entro il 31 gennaio.   Dal 1° febbraio 2017 inizierà il processo di valutazione il cui esito finale sarà annunciato entro  luglio 2018.

Ideata nel 2008, lanciata nel 2010 con l’iscrizione nella lista ministeriale delle ‘proposte’, suggellata nel 2015 con l‘iscrizione nel Registro nazionale dei paesaggi rurali storici del  Ministero per le politiche agricole e rilanciata in occasione del Vinitaly 2016, la candidatura Unesco delle colline di Conegliano e Valdobbiadene ha conquistato il primo posto nella lista propositiva italiana.

 

Azzurra Gianotto

Leggi tutto
empori-solidali

Empori solidali: assessore Lanzarin, “400 mila euro per trasformare gli sprechi alimentari in circuito anti-povertà”

L’assessore regionale al sociale Manuela Lanzarin parla dei successi della legge antisprechi entrata in vigore tre mesi fa all’incontro a Treviso su “La seconda vita del cibo – Il recupero delle eccedenze alimentari in Veneto”. L’evento è stato promosso dalla Regione Veneto e dall’Agenzia regionale per l’ambiente che consente il recupero e la donazione di generi alimentari.

“La nuova ‘legge antisprechi’, entrata in vigore ad agosto, ci ha dato una mano semplificando donazioni e recupero delle eccedenze alimentari. Ma il Veneto investe già da anni nel circuito virtuoso della ‘seconda vita’ del cibo, con gli ‘empori della solidarietà’, iniziative sperimentali nate sul modello del Banco Alimentare di Verona.  Venerdì la Giunta regionale assegnerà 400 mila euro al sostegno diretto dei 13 ‘empori’ della solidarietà già attivi nel territorio regionale. Non si tratta solo di punti di raccolta di eccedenze e di sprechi, ma di centri organizzati di solidarietà, che vedono volontari, organizzazioni del terzo settore,  imprese della grande e media distribuzione, produttori e istituzioni alleati nel fornire ai più poveri generi alimentari, farmaci, servizi di ascolto e di orientamento, assistenza sanitaria e interventi educativi. ”

L’ incontro è servito per fare essere un momento di incontro per i rappresentanti delle associazioni di categoria, della grande e media distribuzione, l’Osservatorio rifiuti di Arpav e alcune aziende di servizi ambientali e  per fare il punto sull’esperienza veneta di recupero delle eccedenze, di riduzione dei rifiuti e di contrasto alla povertà, nella Settimana europea per la riduzione dei rifiuti e alla vigilia della Giornata della Colletta alimentare, in programma sabato prossimo 26 novembre.

“In Veneto sono già 133 mila le persone assistite dalla rete degli empori della solidarietà – ha ricordato Manuela Lanzarin – secondo un approccio innovativo che abbina la distribuzione di generi alimentari e di prima necessità ad interventi di accompagnamento, formazione, educazione e anche inserimento lavorativo. Perchè la raccolta e la distribuzione dei prodotti deve creare anche nuove opportunità di impiego per chi è rimasto senza lavoro”.

L’assessore Lanzarin ha ricordato che gli empori della solidarietà sono i primi presidi nel territorio per contrastare le povertà, vecchie e nuove. Il recente rapporto della Caritas del Nordest ha poi confermato, secondo l’assessore, la necessità di implementare numero e servizi di questi ‘sportelli’ di assistenza per famiglie, disoccupati, separati, senza casa, cinquantenni e anziani che si trovano in difficoltà.

I prossimi obiettivi del progetto regionale sono l’aggiornamento della normativa regionale (lr 11/2011), il coinvolgimento nella rete del recupero e l’estensione del numero dei donatori e dei collaboratori, per promuovere la raccolta di generi alimentari ritirati dagli scaffali e coinvolgere in modo più attivo le imprese di produzione agricola.

 

Azzurra Gianotto

Leggi tutto
veneto

Turismo – Rizzotto “Si apre una nuova frontiera per il turismo emozionale veneto”

Il Veneto punta sul turismo emozionale. A sostegno di questo progetto la consigliera regionale Silvia Rizzotto  esprime grande soddisfazione “in quanto l’articolo 48 del collegato alla Legge Finanziaria (PDL n. 194) regolamenta il nuovo turismo ambientale”.

“Il turismo in Veneto – afferma la capogruppo Zaia Presidente – è una delle più importanti attività economiche, contribuisce in modo rilevante allo sviluppo del nostro territorio, e non solo. Tuttavia, di fronte ad una domanda sempre più diversificata, l’offerta turistica deve ora ricercare opportunità nuove”.

La nuova frontiera di cui parla Rizzotto si accinge ad ampliare il concetto di turismo al  rapporto con la natura, con la storia e la ruralità del territorio,  differenziandosi dalle strutture ricettive del turismo tradizionale.  Il collegato della Legge Finanziaria spiega l’esponente del Gruppo Zaia Presidente, prevede norme che regolamentano le diverse tipologie ricettive del turismo emozionale, con la salvaguardi al territorio veneto, attraverso la realizzazione di strutture ed edilizia che rispettino l’ambiente.

Silvia Rizzotto informa altresì che “tra le tipologie di strutture ricettive in ambienti naturali, disciplinate dalla normativa, rientrano gli alloggi galleggianti (edifici galleggianti saldamente assicurati in modo permanente alla riva o all’albero di fiumi e canali), le case sugli alberi (alloggi collocati in posizione sopraelevata dal suolo nell’ambito di contesti arboreo ad alto fusto), le palafitte (alloggi collocati stabilmente su superfici acquee), le botti (ossia camere poste all’interno di botti in legno utilizzabili dai turisti), le grotte (locali di pernottamento realizzati in cavità naturali)”.

“L’approvazione del collegato alla Finanziaria – conclude Silvia Rizzotto – contribuirà a diversificare  il turismo nel territorio veneto, dando vita a forme di ospitalità originali ed innovative in scenari naturali, nel pieno rispetto dell’ambiente, e determinerà altresì ricadute positive anche sul piano occupazionale”.

 

Azzurra Gianotto

Leggi tutto
flavio-tosi

Referendum: oggi Tosi a “Porta a porta” e “Mattino cinque”

Flavio Tosi, sindaco di Verona sarà presente a due importanti appuntamenti televisivi. Questa mattina dalle 9 sarà ospite in diretta alla trasmissione “Mattino Cinque”, su Canale 5. Stasera invece dalle 21.10 sarà tra gli ospiti della puntata speciale di “Porta a Porta” in diretta su Rai 1, dove si confronterà sulla riforma costituzionale con Matteo Renzi, Beatrice Lorenzin, Giorgia Meloni, Giovanni Toti e Alfredo D’Attore.

 

Di Azzurra Gianotto

 

Leggi tutto
violenza-sulle-donne

Campagna “Questo è il mio corpo” contro la tratta e la violenza delle donne

In occasione della giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne, la comunità Papa Giovanni XXIII ha organizzato per il 25 novembre a Verona alle 21 un evento pubblico di riflessione sulla prostituzione forzata e la violenza sulle donne. Il Vescovo di Verona Mons. Giuseppe Zenti sarà presente all’occasione che sarà situata proprio nel luogo dove due anni fa fu uccisa Venetita e tre mesi fa Lioara.
Durante questo appuntamento sarà presentata la campagna “Questo è il mio corpo” per la liberazione della schiavitù sessuale e dello sfruttamento delle donne.
I volontari dell’unità di strada della Comunità Papa Giovanni XXIII che da molti anni incontrano settimanalmente sulle strade di Verona le donne, spesso ragazzine, oggetto di tratta e costrette a vendere il proprio corpo, denunciano un forte aumento nelle ultime settimane, di minorenni nigeriane, anche di 13 -14 anni.

Leggi tutto
salute

Il Patriarca Moraglia ricorda la sacralità del matrimonio alla Festa della Salute

“Chi è sposato nel Signore ha detto il suo ‘sì’ in Cristo, – ha detto il Patriarca Moraglia durante la messa nel giorno della Festa della Salute- e ama perché qualcuno lo ama per primo e proprio da questo amore nasce il suo amore; il sacramento è solo questo, il resto a cui noi abbiamo dato troppa importanza è pura conseguenza. Vediamo anche sui matrimoni che facciamo, dove li facciamo, in modo turistico e così via”.

 

Questo è il messaggio che ha voluto divulgare durante l’omelia della messa il giorno della Salute. Messaggio che vuole essere rivolto a tutti, anche ai migliaia di turisti che si sposano a Venezia, dimenticando l’importanza di questo voto.

«È importante, però, giunti a questo punto, – ricorda Moraglia – dire di nuovo, con chiarezza, che il sacramento del matrimonio chiede d’esser preparato, non improvvisato, celebrato al momento opportuno e non prima o in modo estemporaneo».

Il Patriarca ha poi evidenziato che “la famiglia è anche una realtà sociale importante sulla quale poter costruire una società che sia veramente coesa e capace di condividere”. In Italia afferma il Patriarca è “il primo ammortizzatore sociale”. Nell’omelia ricorda anche altri due ‘mali’ del nostro tempo, rispettivamente l’individualismo e il riduzionismo.

«La prima è l’individualismo, un tarlo che mina le relazioni; la seconda è il riduzionismo, cioè non siamo più capaci di cogliere l’interezza. Riduciamo l’uomo e le relazioni a una parte di quello che dovrebbe essere l0umanità, allora tutto diventa economia, finanza, corporeità, materialità mettendoci di fronte a una società che zoppica».

 

Di Azzurra Gianotto

Leggi tutto
roberto-zuccatto

Zuccato si dimette da presidente della Fondazione Campiello

Roberto Zuccato ha dato le dimissioni dal ruolo di presidente della Fondazione Il Campiello e del Comitato dei Fondatori. In questo modo Zuccato rimette nelle mani del Comitato dei Fondatori (i presidenti delle sei Confindustrie territoriali del Veneto) la governance della Fondazione ed ogni ulteriore decisione inerente la gestione del Premio Campiello e l’edizione 2017, che è già entrata nella fase progettuale.

La Fondazione Il Campiello, composta dalle Confindustrie territoriali del Veneto (Belluno, Padova, Treviso, Venezia-Rovigo, Vicenza e Verona) e dalla loro Federazione regionale, è l’organo che promuove e gestisce il Premio Campiello. Istituito nel 1962 dagli Industriali del Veneto, il Premio si è accreditato negli anni come una delle più importanti competizioni letterarie italiane, rappresentando un esempio di dialogo e di confronto concreto e strategico tra mondo dell’impresa e della cultura.

 

Di Azzurra Gianotto

Leggi tutto
crisara

Sanità veneta: il segretario regionale Crisarà è entrato nella Fimmg

Il Presidente della della Regione Luca Zaia è entusiasta dell’ingresso del segretario regionale della Fimmg Veneto – federazione italiana medici di medicina generale – nell’esecutivo della nuova Fimmg nazionale che sarà presieduta da Silvestro Scotti.

“I Medici di Medicina Generale del Veneto – commenta Zaia – sono un ingranaggio insostituibile della macchina sanitaria veneta, primo approdo per i pazienti che cercano consigli e cure, snodo fondamentale tra ospedale e territorio. Che il loro Segretario regionale sia nell’esecutivo nazionale della Fimmg è da salutare con soddisfazione. Complimenti e buon lavoro a Domenico Crisarà”.

“Il sistema migliore per ottenere successi in sanità – conclude Zaia – è saper fare squadra, atteggiamento quanto più necessario, ora che in Veneto siamo di fronte ad una nuova riforma epocale, della quale i medici di base e la loro presenza sul territorio diventa sempre più rilevante”.

 

Di Azzurra Gianotto

Leggi tutto
0951_gruppone_percorso_lungo

Corri in rosa: la terza edizione da record per la lotta al tumore al seno nel trevigiano

Un’immensa nuvola rosa ha invaso San Vendemiano (TV) domenica 20 novembre. Sono state ben 7.865 donne in marcia per la lotta al tumore al seno che hanno partecipato con emozione e solidarietà alla terza edizione di “Corri in rosa”. Correndo o camminando le partecipanti hanno contribuito al pagamento di un mammografo acquistato dall’associazione Fiorot, che sarà a breve installato nell’ospedale di Conegliano per lo screening gratuito dedicato alle donne.

Da via De Gasperi la maratona è iniziata alle 10, in testa la madrina 2016 Alessandra Patelli, la 25enne coneglianese, semifinalista alle Olimpiadi di Rio 2016 e il consigliere regionale Sonia Brescacin. Commossa Valérie Delcourt, l’ideatrice di questa corsa tutta al femminile.

“Ogni anno è un’emozione in più. – ha affermato Delcourt – Ancora non mi capacito che quella che pensavo potesse essere una piccola corsa tra amiche sia diventata un evento così importante. Tante donne sono venute a ringraziarmi per quello che stiamo facendo, ma sono io che dico grazie a loro, sono loro la Corri in rosa. Il regalo più bello di oggi è stato il sole che ha baciato la partenza”.

A dare il via ufficiale il sindaco di San Vendemiano, Guido Dussin, il vicesindaco Renzo Zanchetta, il presidente dell’associazione Renzo e Pia Fiorot, Silvano Fiorot e Aldo Zanetti, amministratore unico di Maratona di Treviso, società organizzatrice della manifestazione inserita nel calendario Fiasp.

“Questa edizione – ha detto il sindaco Dussin-  è una conferma, in crescendo, del successo di una corsa che sta concretamente dando una mano per la lotta al tumore al seno. Dal 2017 partirà lo screening all’ospedale di Conegliano grazie al mammografo acquistato dall’Associazione Fiorot e che la Corri in rosa sta pagando. Le istituzioni, come la Regione, dovrebbero prepararsi a grandi eventi di volontariato come questa partecipando attivamente, mettendo risorse economiche per contributi finalizzati, così magari nei prossimi anni si potrebbe partire con la raccolta fondi per un altro mammografo”.

Anche il Governatore del Veneto, Luca Zaia era presente all’evento solidale.

“Sono davvero tante queste donne. – ha detto Zaia – Complimenti a loro che hanno deciso di esserci per questa importante causa. Grazie a tutti per contribuire a pagare il mammografo acquistato dall’associazione Fiorot. In Veneto il 95 % dei casi di cancri al seno grazie alle “brest unit” ha un esito positivo. Dobbiamo continuare a spingere sulla prevenzione.”

Tra i testimonial era presente anche Mister Italia International 2016 Vinicio Modolo.

Le prime ad arrivare nei 5 km sono state Maria Vian e Laura Donè, rispettivamente 16 anni e 24. Nei 10 km arrivo insieme, a braccia alzate, per la sorella di Maria, Irene Vian e Sabrina Boldrin, brillanti atlete di Atletica Silca Conegliano, specialista degli 800 la prima, del mezzofondo la seconda.

“Ci siamo divertite tantissimo, non potevamo non essere presenti – hanno detto le quattro atlete – è stato un dovere e un onore essere presenti oggi, onorando una corsa con una così importante causa”.

Spettacolare l’arrivo di Linda, mamma di Arianna (tre mesi), che ha corso i 5 km con la bambina nel passeggino.

“E’ la terza volta che ci sono insieme a mia mamma Sandra, il primo anno era reduce dalla chemioterapia – ha raccontato – abbiamo un valido motivo per esserci”.

 

Di Azzurra Gianotto

 

.

Leggi tutto
terremoto-norcia-6-5-basilica-san-benedetto-crolli

Terremoto in centro Italia: Ingegneri Veneti candidati per le valutazioni di agibilità

Il terremoto ormai sta mettendo in ginocchio le regioni del centro Italia. Molti edifici sono crollati e altri attendono valutazioni e interventi perchè possano tornare agibili. La Foiv – Federazione degli Ordini degli Ingegneri del Veneto- in merito a questo rinnova la sua disponibilità a dare il proprio contributo. L’associazione è già intervenuta per il terremoto del 24 agosto scorso: da settembre a oggi sono stati inviati ben 21 ingegneri nelle zone tra Accumoli e Amatrice.

“Il nostro impegno è sempre vivo e concreto – sottolinea Gian Pietro Napol, presidente FOIV – . I nostri ingegneri, da mesi sul campo, sono pronti a intervenire per qualunque esigenza tecnica. Anche questa occasione, fortunatamente meno devastante,  richiede comunque una fase di valutazione e ricostruzione e noi saremo in prima fila per dare il nostro contributo”.

Di Azzurra Gianotto

Leggi tutto