Arrivano i tornelli sugli autobus Actv

VENEZIA – Sarà in circolazione già nei prossimi giorni il primo autobus di Actv dotato di tornelli sperimentali, e, sempre entro la fine di ottobre, entreranno in servizio anche i 9 nuovi mezzi autosnodati a metano che, grazie ad un co-finanziamento della Regione Veneto pari al 75%, sono entrati a far parte del parco mezzi dell’azienda di trasporti locale, portandone così il totale a 573 unità (di cui 107 interurbani, 167 suburbani e 299 urbani). 

“Per il momento il sistema è stato installato su un unico autobus  – spiega l’amministratore delegato di Actv Spa, Giovanni Seno –e sarà testato su linee automobilistiche non particolarmente frequentate (H1, H2 e 20). Dopo alcuni mesi effettueremo un’indagine per verificare il grado di soddisfazione dell’utenza”. 
I tornelli sono costituiti da semi-sbarre poste in corrispondenza delle tre porte dell’autobus: all’ingresso, possibile solo dalla porta anteriore e da quella posteriore, si aprono verso l’interno appena si valida il titolo di viaggio. La mancata validazione viene segnalata da dispositivi ottici e sonori. Il tornello della porta centrale, che si apre verso l’esterno, è attivato in maniera automatica grazie a una fotocellula; l’apertura può essere comandata anche dall’autista del mezzo per consentire la salita e la discesa di passeggeri con disabilità. Con l’arrivo dei 9 nuovi autobus a metano (altri 4 saranno acquistati nel 2014), che andranno a sostituire i mezzi più vecchi, sale a 48 il numero dei mezzi a basso impatto ambientale, pari al 34% del totale della flotta Actv.
“Il trasporto locale – sottolinea l’assessore comunale alla Mobilità, Ugo Bergamo – ha bisogno di forti investimenti, per essere concorrenziale e soprattutto per garantire una sempre migliore qualità della vita agli utenti. Il tasso di evasione nel nostro territorio, già tra i più bassi su scala nazionale, ha attualmente raggiunto livelli quasi fisiologici, ma ancora non basta. Per contrastare l’evasione anche sui mezzi acquei infatti entro il 2014 tutti gli imbarcaderi saranno dotati di tornelli”.
facebooktwitter

Lascia una risposta